www.strumentazioneelettronica.it

resultsUrl="https://www.strumentazioneelettronica.it/risultati-ricerca/"

Giulio NoiaGould G.N. Sistemi da sempre seleziona i produttori più innovativi nell'ambito dell’acquisizione dati curandone la distribuzione in Italia.

Abbiamo chiesto al suo fondatore, Giulio Noia, qual è oggi il ruolo dei sistemi di acquisizione dati e come la sua azienda seleziona le soluzioni più innovative.

Quali sono oggi le principali esigenze del mercato dell'acquisizione dati?

Il mercato sempre più spesso ricerca soluzioni evolute per l’analisi ed il test, ma al contempo in alcuni segmenti industriali sono richiesti sistemi di acquisizione con funzionalità tradizionali.

In base a queste esigenze Gould G.N. Sistemi si preoccupa di identificare i diversi produttori, leader di mercato per proporre ai propri clienti le soluzioni più adatte per le specifiche necessità, dalle più semplici, dove occorrono datalogger, per poi passare a sistemi più veloci, con capacità di calcolo e con campionamento a velocità di svariati Msample/s ed infine a sistemi che dispongono di canali universali, un approccio distribuito e completamente digitale ad alta precisione.

Qual è oggi il ruolo dei datalogger?

Un primo livello di applicazioni industriali richiede datalogger portatili in grado di trasferire i dati via PLC o reti TCP/IP, quindi anche accessibili da remoto, con ingressi differenziali per assicurare la qualità del segnale e limitare l’effetto del rumore. I dati devono poter essere salvati su una memoria locale o su un computer centrale, a seconda delle esigenze.

Tipicamente questi sistemi devono disporre da 20 a 200 canali analogici e di alcuni canali digitali in grado di operare con diverse tipologie di traduttori ed in condizioni particolarmente aggressive.

L’alimentazione deve essere particolarmente flessibile sia in AC che in DC, anche tramite batterie, a seconda dell’applicazione. I dati acquisiti tramite un software specifico devono poter essere elaborati e visualizzati o su PC o su display in campo.

Quali soluzioni consigliate quando i segnali da acquisire sono molto veloci?

Per le applicazioni industriali che richiede prestazioni più elevate per la presenza di segnali da campionare particolarmente veloci, proponiamo famiglie di sistemi di acquisizione dati portatili in grado di acquisire segnali veloci fino a 1 MS/s per canale sulla RAM interna.

Oppure, utilizzando una flash memory interna, o una chiavetta USB, o lo hard disk di un PC in remoto, si può arrivare ad acquisire fino a 1kS/s per canale. In quest’ultimo caso vengono richieste le interfacce USB e LAN per comunicare i dati al PC remoto, tramite software fornito a corredo.

Gli ingressi analogici sono isolati e sono in grado di acquisire tensioni fino a 1.000 V, temperature (tramite termocoppie), umidità e i segnali provenienti da qualsiasi sensore analogico con uscita da 0-10 V.

Solitamente viene richiesto che tutti i canali devono sono campionati contemporaneamente, (non ci deve essere ritardo di acquisizione fra canale e canale), con risoluzione verticale di 16 bit.

Anche per questo tipo di applicazioni viene tipicamente richiesta l’alimentazione tramite batterie per un impiego in campo, o tramite rete industriale AC o DC (ad esempio nel settore trasporti).

E quando invece il numero di canali da acquisire è molto elevato e con tipologie di segnali molto diverse tra loro?

In questi caso suggeriamo l'utilizzo di un sistema di acquisizione dati modulare, in grado di offrire la massima flessibilità sia in termini di numero di canali che di tipologia di segnali da acquisire.

Ecco dunque che i sistemi più completi ed innovativi offrono un mainframe, dove è possibile comporre ad hoc una soluzione personalizzata a ottimizzata, in base alla specifica applicazione, aggiungendo di volta in volta i moduli necessari.

Sono necessari moduli permettano di acquisire contemporaneamente praticamente ogni tipo di segnale. Il sistema dovrà essere dotato di memoria interna tipo SD card, o di hard disk allo stato solido o flash memory interna. Dovrà essere inoltre essere garantita la comunicazione via USB e Ethernet con il software per il trasferimento e la elaborazione dei dati acquisiti.

Quali sono le case che distribuite in questo settore?

Per rispondere a tutte queste diverse esigenze abbiamo stretto una proficua collaborazione tre aziende leader nel settore della acquisizione dati e che proponiamo ai nostri clienti in Italia: la giapponese Graphtec Corporation, la francese Sefram e la tedesca HBM.

Ci fa un esempio di sistema di acquisizione dati modulare moderno?

La famiglia GL7000 di Graphtec è un sistema modulare che consente di ottenere la massima flessibilità possibile in termini di numero di canali e di tipologia di segnali da acquisire. Grazie al suo mainframe (che può essere dotato anche di monitor a colori touch screen da 5,7”), è possibile comporre il proprio sistema di acquisizione personalizzato aggiungendo fino ad un massimo di 10 moduli, per un massimo di 112 canali acquisiti.

Sistema di acquisizione dati modulare Graphtec GL7000

I diversi moduli permettono di acquisire praticamente ogni tipo di segnale. Sono infatti disponibili moduli per segnali in tensione con canali differenziali e 100 V di ingresso f.s. con velocità di campionamento fino a 1 kS/s per canale, e fino a 1 MS/s per canale, con RAM interna da 2 milioni di campionamenti, isolati fino a ±500V tra canale e canale e verso massa. Oltre a segnali in tensione di possono acquisire segnale da termocoppie e Pt100, segnali digitali e contatori, così come da strain gauge, accelerometri e altri sensori con uscita analogica.

Il mainframe è dotato di alloggiamento per memoria SD card, può essere dotato di hard disk allo stato solido da 128 GB ed è fornito con flash memory interna da 2 GB e di memoria RAM da 2 milioni di campioni. Inoltre è dotato delle porte di comunicazione USB e Ethernet e viene fornito con un moderno software molte semplice e immediato da utilizzare.

Per chi invece ha bisogno di un 'portatile'?

Datalogger portatile Sefram DAS240Un ottimo prodotto è l’innovativo datalogger modulare DAS240 di Sefram, un strumento particolarmente robusto e compatto in grado di acquisire da 20 fino ad un massimo di 200 canali.

Perfetto per misure di tensione (con range da 1 mV a 200 V f.s.) o acquisire segnali provenienti da svariati sensori (con uscita sia 0-10 V che 4-20 mA), misurare temperature (legge termocoppie, Pt100 e Pt1000), correnti (con shunt opzionale), resistenza, frequenza e segnali digitali.

I dati possono essere memorizzati nel suo hard disk interno allo stato solido da 32 GB. Inoltre dispone di un controllo remoto tramite rete Ethernet, o WiFi, (opzionale), tramite VNC o software DASLab proprietario gratuito, con il quale è possibile impostare setup, visualizzare i dati acquisiti in tempo reale, trasferire i dati e rivederli.

E per chi cerca il massimo delle prestazioni?

Ad esempio il modello Gen 3i di HBM, un sistema di acquisizione dati/transient recorder modulare ad alte prestazioni, che può ospitare fino a 3 schede di acquisizione.

Registratore dati e transient recorder HBM Gen3iIl sistema GEN3i combina in un unico strumento tutto ciò che serve per l'acquisizione dati: la portabilità e la robustezza che ci si aspetta da un registratore dati e la potenza di un sistema di acquisizione dati di alto livello. Il registratore dati portabile GEN3i supporta fino a 96 canali in un solo strumento, il flusso dati continuo di 200 MB/s ed il condizionamento segnali configurato dall'utente in modo che si possano scegliere i moduli necessari alla propria applicazione – da un elevato numero di canali all'alta velocità di acquisizione.

Uno strumento HBM Gen3i può essere usato sia come transient recorder (può infatti scrivere su una RAM interna che a seconda della scheda va da 256 MB fino a 1800 MB per scheda), sia come sistema di acquisizione, in quanto è in grado di registrare, in tempo reale, i segnali acquisiti sul suo hard disk interno allo stato solido da 480 GB. Su questo supporto il Gen 3i può arrivare a scrivere alla incredibile velocità di 200 MB/s (cioè si possono acquisire direttamente su hard disk 10 canali con velocità di acquisizione di 10MS/s per canale).

La velocità di campionamento può arrivare con la scheda più veloce arriva fino a 250 MS/s. Inoltre, tutte le schede che possono essere utilizzate negli strumenti Gen 3i hanno un convertitore A/D per ogni canale, per cui tutti i canali sono automaticamente sincronizzati fra loro e non introducono alcun ritardo reciproco.