www.strumentazioneelettronica.it

resultsUrl="https://www.strumentazioneelettronica.it/risultati-ricerca/"

1003_Testo_pressione_differenziale_6383Una delle  classiche applicazioni della misura della pressione differenziale è il monitoraggio della pressione positiva e negativa nelle camere bianche.

In generale, qualsivoglia sensori di pressione e soggetto a uno scostamento, legato alla temperatura e al tempo, che potrebbe influenzare le misure e quindi i processi nelle camere bianche.

Al fine di evitare questo scostamento, la nuova famiglia di strumenti per la pressione differenziale proposta da Testo effettua automaticamente un azzeramento ciclico.

All’interno delle camere bianche si applicano regole rigide, allo scopo di evitare la contaminazione o addirittura la distruzione di prodotti o processi ad opera di particelle presenti nell’aria ambiente.

Per garantire che il numero di particelle, portate dalle persone nella camera bianca o generate durante la produzione, resti il più basso possibile, nella camera è presente una pressione positiva da monitorare costantemente in conformità con la norma ISO14644.

Oltre alla pressione, vengono controllati anche altri parametri come la temperatura o l’umidità dell’aria, al fine di mantenere condizioni climatiche costanti nella camera bianca.

Tutti gli strumenti nella camera bianca devono quindi avere una particolare geometria senza angoli né spigoli. Questo tipo di esecuzione evita la sedimentazione delle particelle.

Insieme alle condizioni nelle camere bianche, anche gli strumenti utilizzati in quest’ambiente devono rispondere a rigidi requisiti legati alla precisione e all’affidabilità a lungo termine.

Con la sua nuova famiglia di strumenti per la pressione differenziale, Testo ha introdotto sul mercato tre varianti relative all'alloggiamento esterno, all’esecuzione e alle funzioni, che sono ottimizzati per le misure in questo particolare tipo di ambiente.

La versione speciale dei trasmettitori per pressione differenziale testo 6383 è stata sviluppata appositamente per operare all’interno delle camere bianche.

L’alloggiamento consente l’installazione sul pannello della camera bianca con superficie lavabile. Le celle di misura piezo-resistive coprono il campo di misura fino a 10 Pa, e consentono di spostarsi del 50 % sopra o sotto il campo di misura nominale, arrivando così da -5 a 15 Pa.

E’ possibile impostare liberamente il campo di misura, e il trasmettitore può essere integrato facilmente in un sistema di automazione preesistente. A questo scopo, le uscite analogiche vengono semplicemente adattate al campo di misura richiesto.

Se per esempio un sensore misura nel campo da 0 a 50 Pa, 0 Pa corrisponde a 4 mA all’uscita analogica e 50 Pa a 20 mA. Se il campo di misura viene ora adattato all’applicazione e limitato al range da 10 a 30 Pa, il minimo e il massimo dell’uscita analogica ora corrisponde a questi valori ed è quindi perfettamente adatta al sistema di controllo del cliente. Inoltre, i parametri misurati possono essere trasmessi anche tramite connessione Ethernet, disponibile come opzione.

Oltre alla pressione differenziale, è possibile misurare umidità e temperatura, sia direttamente dove si trova l’installazione tramite la sonda igrometrica integrata nel trasmettitore testo o in una locazione diversa utilizzando una sonda con cavo esterno Testo 6610 più estensione. Nel processo, la sonda con cavo può essere portata nella locazione desiderata attraverso la parete divisoria della camera bianca.

Le impostazioni complete vengono eseguite tramite pannello di controllo, se il trasmettitore ha il display opzionale, oppure tramite il software P2A. Nel secondo caso, i parametri possono anche essere impostati direttamente in campo ed è possibile eseguire regolazioni su n punti per la pressione e regolazioni su 1 o 2 punti per l’umidità. Inoltre, è possibile effettuare analisi e calibrazioni analogiche.

Azzeramento automatico

L’azzeramento automatico è una delle caratteristiche speciali della nuova famiglia di trasmettitori Testo per la pressione differenziale, ottenuto tramite una valvola a solenoide.

A intervalli ciclici, la valvola si chiude e quindi evita che la connessione positiva registri la pressione. Il sensore quindi registra su entrambi i lati la pressione P1, che viene dal circuito negativo, e può azzerarsi poiché "sa" che la valvola è chiusa e che la stessa pressione deve essere presente su P1 e P2.

Mentre il trasmettitore continua a misurare, l’azzeramento si riferisce alla pressione differenziale nulla che è presente su entrambi gli ingressi, ma non alla pressione di lavoro, che è il motivo per cui è consigliabile che lo strumento sia comunque verificato periodicamente.

L’automonitoraggio e gli allarmi preventivi al guasto in caso di gravi malfunzionamenti assicurano il corretto funzionamento dell’impianto.

Se la temperatura di lavoro o di processo è troppo alta o troppo bassa, se la tensione di alimentazione è troppo bassa o in caso di eventi particolari, il responsabile dell’impianto riceve un allarme preventivo al guasto, grazie alla funzione di automonitoraggio.

Un allarme viene emesso anche in caso di malfunzionamenti quali un sensore difettoso o rotto, una regolazione su 2 punti (umidità), un’eccessiva pressione di processo, un corto circuito o un cavo danneggiato.

I trasmettitori Testo 6383 dispongono di un’uscita a relè per l’emissione di allarmi ottici e sonori. E’ possibile collegare all’uscita un segnalatore luminoso che, per esempio, può indicare l’avvenuto superamento di una particolare pressione.

1003_Testo_pressione_differenziale_6381La versione Testo 6381, dotata di un robusto involucro esterno in metallo, è adatta per la misura della pressione differenziale sia nelle camere bianche, sia in altre applicazioni, come processi tecnologici o di essiccazione.

Al trasmettitore può essere collegata una sonda igrometrica selezionabile da un’ampia gamma di prodotti adatti all’applicazione. Misura pressioni fino a 10 Pa e dispone delle stesse connessioni standard e opzionali dei modelli testo 6383.

Le differenze riguardano soprattutto la forma dell’involucro esterno che, nel modello testo 6381, è adatto per il montaggio al di fuori della camera bianca. Il calcolo di portata volumetrica o velocità dell’aria è anch’esso possibile con questo trasmettitore, che comprende tutte le sopra citate funzioni per l’automonitoraggio e l’allarme preventivo al guasto.

La nuova famiglia di prodotti è caratterizzata dalle varianti del modello Testo 6351, mirate ad applicazioni gravose nei settori riscaldamento, condizionamento e ventilazione. Lo strumento è dotato di involucro esterno in plastica.

Tra le caratteristiche di questo modello figura il calcolo di portata volumetrica o velocità dell’aria, tipico delle sue applicazioni. Tuttavia, questa versione non include le opzioni di connessione per sonde igrometriche. Testo 6351 misura anche pressioni fino a 50 Pa.

Per tutti i modelli della nuova famiglia di trasmettitori per pressione differenziale sono disponibili vari sensori che coprono un campo di misura compreso tra 10 Pa e 2000 hPa.

L’utente può anche scegliere tra diverse uscite analogiche: 0 - 20 mA, 4 - 20 mA, 0 - 1 V, 0 - 5 V e 0 - 10 V.

La tecnologia dei sensori è sempre la stessa e anche le proprietà, quali azzeramento automatico, automonitoraggio, allarme preventivo al guasto e impostazione del campo di misura.

La precisione varia fino a ±0,3 % del valore finale del range di misura, in funzione della serie di strumenti.

 

Fiere e Seminari

Logo FocusonPCB

FocusonPCB - Vicenza, 15-16 maggio 2024

Torna a Vicenza il 15 e 16 maggio 2024 Focus on PCB, la terza edizione della fiera dedicata all'intera filiera dei circuiti stampati. Nata dalla volontà del Gruppo PCB Assodel…