www.strumentazioneelettronica.it

resultsUrl="https://www.strumentazioneelettronica.it/risultati-ricerca/"

Tektronix Serie 3 e Serie 4Tektronix continua nel suo percorso di completo rinnovamento della gamma di oscilloscopi presentando due nuove famiglie di strumenti fondamentali per il suo mercato di riferimento, l'MSO Serie 4 e l'MDO Serie 3, che coprono le larghezze di banda da 100 MHz a 1,5 GHz con configurazioni da 2 a 6 canali analogici.

Non si tratta di meri aggiornamenti di strumenti precedenti, bensì di oscilloscopi completamente nuovi, che sono il frutto di un grande investimento fatto dalla multinazionale americana per conoscere e soddisfare ogni desiderio dei progettisti di tutto il mondo quotidianamente impegnati nello sviluppo di soluzioni elettroniche moderne.

Questi nuovi oscilloscopi di fascia media sono stati “reinterpretati” da Tektronix sfruttando le innovative caratteristiche di fruizione e il design industriale introdotti per la prima volta nei loro fratelli maggiori, i modelli MSO Serie 5 e Serie 6.

Siamo una società formata da progettisti che realizza soluzioni per i progettisti – ci ha tenuto a sottolineare Chris Witt, Vice President e General Manager della Time Domain Business Unit di Tektronix nel corso della presentazione ufficiaile dei nuovi prodotti – ed è questo il concetto al quale ci ispiriamo sempre nel momento in cui progettiamo le nuove generazioni di oscilloscopi. I nostri team trascorrono centinaia di ore discutendo con i progettisti in tutto il mondo, collaudando e sperimentando nuove funzionalità e progetti, in modo da consentirci di realizzare i migliori prodotti disponibili sul mercato realizzati a partire dall'analisi dettagliata delle necessità e dei problemi che i tecnici devono affrontare nel loro lavoro quotidiano.

Tektronix 4 SeriesRispetto ai classici oscilloscopi appartenenti alle categorie '3000' e '4000' attualmente sul mercato, i nuovi prodotti di Tektronix spiccano immediatamente per l'utilizzo di uno schermo molto grande a dalla risoluzione molto elevata, pur mantenendo un formato estremamente compatto degli strumenti nel loro complesso.

PUBBLICITÀ

Comodità di utilizzo ed estrema robustezza sono il risultato di un'attenzione maniacale ai dettagli del design industriale, dalla struttura meccanica dei piedini di supporto ai gesti che comandano le azioni del software, tutto è stato studiato per garantire lunga durata e versatilità per stare al passo con le esigenze del futuro.

Ovviamente, si dà per scontato che l'accuratezza e le funzionalità di misura siano ai vertici di quanto ci si possa aspettare oggi da una gamma di strumenti professionali.

MSO Serie 4: ampio touchscreen, fino a 6 ingressi Flex Channel e acquisizione nativa a 12 bit

Il nuovo oscilloscopio Tektronix MSO Serie 4 ha un display touch capacitivo da ben 13,3” e, soprattutto con risoluzione HD da 1920 x 1080 pixel. Un display di dimensioni molto ampio, oltre a migliorare notevolmente la fruizione da parte dell’utente, permette di accelerare sensibilmente le operazioni di debug e di analisi. In molte situazioni legate al debug, infatti, comodità fa rima con produttività.

Le varie versioni dello strumento offrono una larghezza di banda del canale che arriva fino a 1,5 GHz, mentre l’utilizzo di convertitori A/D a 12 bit permettono di ottenere la più elevata risoluzione verticale rispetto ad analoghi strumenti di questa classe.

ASIC TektronixL'utilizzo di una sezione di conversione a 12 bit, unita alla disponibilità di uno stadio d'ingresso a basso rumore, permette di osservare segnali con un'elevatissima gamma dinamica, ad esempio per facilitare le misure sui sistemi di potenza, dove convivono minime variazioni di segnale sovrapposte a segnali di grande ampiezza.

Per realizzare questa nuova serie di oscilloscopi, Tektronix ha potuto far leva sugli investimenti fatti nello sviluppo di circuiti ASIC dedicati già precedentemente utilizzati nei suoi oscilloscopio di fascia più alta, che ora sono a disposizione anche in questi prodotti di fascia media.

Ogni ingresso FlexChannel può ospitare 1 canale analogico o 8 canali digitaliL’oscilloscopio MSO Serie 4 è inoltre il primo oscilloscopio della sua classe a rendere disponibili sei canali di ingresso e, grazie all’innovativa tecnologia FlexChannel, ogni canale di ingresso può essere convertito in otto canali digitali connettendo l’apposita sonda logica, mantenendo la compatibilità con tutte le sonde innovative presenti e future disponibili anche per gli oscilloscopi Serie 5 e Serie 6.

Le larghezze di banda disponibili per gli oscilloscopi MSO Serie 4 sono di 200 MHz, 350 MHz, 500 MHz, 1 GHz, 1,5 GHz, e il passaggio ad una larghezza di banda superiore dopo l'acquisto può essere fatto tramite un semplice codice di licenza, senza dover intervenire sull'hardware dello strumento.

Tutti i modelli sono caratterizzati da una velocità di campionamento di 6,5 GS/s, sempre su tutti i canali analogici e digitali. La lunghezza di registrazione standard per canale è pari a 31,25 Mpunti, con possibilità di raddoppio a 62,5 Mpunti tramite un'opzione.

Grazie all'utilizzo di hardware dedicato ad alte prestazione, gli strumenti MSO Serie 4 possono gestire tantissime funzionalità opzionali supplementari, tutte attivibili tramite licenze software.

Ad esempio, sono disponibili un generatore di funzioni arbitrarie  e un frequenzimetri/voltmetro digitale indipendente, così come la potentissima funzionalità Spectrum View, che permette di effettuale analisi correlate nel dominio del tempo e della frequenza con controlli indipendenti in ciascun dominio.

Tra la ricca serie di pacchetti di analisi dedicati ad applicazioni specifiche, segnaliamo quello per effettuare in modo guidato e automatizzato le misure sui sistemi di potenza e alimentazione, con i quali si possono studiare e caratterizzare tutti i fenomeni critici che influenzano il rendimento energetico dei sistemi di conversione o le durate dei sistemi alimentati a batteria.

MDO Serie 3: grande versatilità per attività di debug e validazione

Offerto a partire da  €3.570 nella versione a 2 canali analogici, il nuovo oscilloscopio Tektronix MDO Serie 3 è uno strumento di nuova generazione molto versatile e compatto che vanta un display touch capacitivo ad alta risoluzione da 11,6” (1920x1080 pixel), molto ampio per questa categoria di prodotti.

L’interfaccia è semplice e intuitiva, identica a quella degli strumenti dell’intero portafoglio Tektronix di nuova generazione, così come la disposizione di tasti e manopole. L’intero strumento ha una profondità di soli 15 cm (6”) e pertanto trova facilmente posto in ogni banco di lavoro.

Oscilloscopio Tektronix Serie 3 con analizzatore di spettro integratoIn realtà gli strumenti MDO Serie 3 sono molto più di un semplice oscilloscopio adatto un gran numero di attività quotidiane di validazione e debug, in quanto prevedono la possibilità di integrare un vero e proprio analizzatore di spettro con canale di ingresso dedicato per segnali RF fino a 3 GHz, una caratteristica mutuata dal suo predecessore MDO3000.

Ciò consente di effettuare il debug in tempi rapidi dei dispositivi wireless presenti nei progetti, nonché di individuare velocemente fonti di emissioni EMI indesiderate senza dover ricorrere a un altro strumento.

I nuovo oscilloscopi MDO Serie 3 sono offerti in versioni con ampiezza di banda a 100 MHz, 200 MHz, 350 MHz, 500 MHz e 1 GHz, a 2 e 4 canali e conversione con risoluzione classica di 8 bit. Per le analisi a segnali misti sono disponibili 16 canali di ingresso digitali opzionali.

La velocità di campionamento è di 2,5 o 5 GS/s su tutti i canali analogici e digitali, mentre la lunghezza di registrazione standard è di 10 Mpunti. Le larghezza di banda e le diverse opzioni di misura sono aggiornabili sul campo, a garanzia della protezione dell’investimento nell'hardware.

Il gran numero di opzioni offerte a corredo, ad esempio per il triggering e il debug di protocolli seriali, per le misure di potenza, oltre a un generatore di funzioni e forme d'onda arbitrarie, conferiscono a questo oscilloscopio una grande versatilità per affrontare tutte le più comuni attività di sviluppo e debug di un progetto elettronica.

Il problema dell’ultimo centimetro

Per misurare correttamente non basta disporre di un buon strumento. Al segnale bisogna pur arrivare e Tektronix ha costruito buona parte del suo successo per la ricca disponibilità di sonde efficaci nel raggiungere proprio quell'ultimo "centimetro" che separa una traccia o un punto di test su un circuito stampato dal cavo di collegamento all'oscilloscopio.

Oscillocopio Tektronix Serie 3 e sonde per misure di potenzaSi tratta di un percorso sempre più critico per poter ottenere un’analisi dettagliata dei circuiti di un sistema elettronico, in quanto le velocità in gioco sono sempre più elevate e i livelli di segnale e alimentazione sempre più bassi.

Entrambe le famiglie di oscilloscopi MDO Serie 3 e l’MSO Serie 4 prevedono l’interfaccia per sonde TekVPI, che permette di utilizzare l’intera gamma di sonde offerte da Tektronix: per tensioni differenziali, per tensioni attive, per correnti, oltre alle sonde per linee di alimentazione e quelle differenziali isolate otticamente di recente introduzione.

Gli oscilloscopi MSO Serie 4, inoltre, sono compatibili anche con le sonde con interfaccia FlexChannel.

 

Fiere e Seminari